Vai al contenuto principale
Lions Clubs International Foundation Lions Clubs International Foundation
Vai al piè di pagina

Lavoro in caso di disastri

Lavoro in caso di disastri

section

Lions Clubs International Foundation ha una comprovata esperienza nel fornire soccorso immediato e a lungo termine in seguito a disastri. I Lions locali e i leader Lions valutano quali sono i bisogni immediati e sviluppano un piano di ricostruzione a lungo termine. Rimaniamo per tutto il tempo che serve a completare il lavoro e aiutiamo le vittime a rifarsi una vita. Per ulteriori informazioni sul nostro lavoro in caso di disastri leggete il Prospetto delle attività in caso di disastro.

Soccorso in caso di disastri tramite LCIF

  • Ogni anno la Fondazione assegna milioni di dollari per i soccorsi in caso di disastri. Nel corso degli ultimi 10 anni la fondazione ha distribuito oltre 100 milioni USD
  • Sono stati stanziati 6 milioni USD per il terremoto ad Haiti, 15 milioni USD per lo tsunami nell'Asia del sud, 5 milioni USD per progetti per l'uragano Katrina in quattro stati degli Stati Uniti, 3 milioni USD per il terremoto in Cina, 3 milioni USD per la devastazione dell'11 settembre 2001 e assistenza per innumerevoli altre catastrofi
  • I donatori possono essere certi che i fondi offerti a LCIF supporteranno iniziative che hanno impatto sulla comunità e cambiano la vita delle persone
  • I progetti sono intrapresi dai Lions nella comunità, una vasta rete di 1,35 milioni di soci Lions in 208 paesi e regioni di tutto il mondo
  • Guardate il video che mette in evidenza il lavoro di LCIF in caso di disastri

Soccorsi dopo la supertempesta Sandy negli USA

Nel 2012 Lions Clubs International Foundation ha stanziato 740.000 USD per le vittime della supertempesta Sandy, incluso un sussidio per catastrofi di grave entità da 100.000 USD. Alcuni esempi di attività realizzate con i sussidi di LCIF: 

  • Connecticut, distretto 23-C: Il team ALERT Lions ha collaborato a fornire generi alimentari ai rifugi e agli altri siti in cui erano necessari.
  • Maryland, distretto 22-B: I Lions hanno fornito kit per l'igiene personale contenenti spazzolini da denti, dentifricio, asciugamani, sapone e altro ancora a 400 famiglie evacuate, ospitate in un centro sociale locale.
  • New Jersey, distretti 16-A, 16-B, 16-C, 16-D e 16-E: I Lions hanno collaborato con i banchi alimentari locali per fornire cibo, acqua e coperte ai residenti bisognosi.
  • Il Flatlands Lions Club/distretto 20-K1 di New York (USA) ha collaborato con il programma Gerritsen Beach Cares Long Term Recovery per aiutare anziani, infermi, residenti e famiglie in ristrettezze economiche a ricostruire le proprie case.
  • I Lions del New Jersey stanno effettuando riparazioni alle abitazioni di persone a basso reddito sprovviste di assicurazione sulla casa e che non hanno ricevuto alcun contributo dalla Federal Emergency Management Agency (FEMA). Concentrandosi sulla comunità di Jersey Shore, i Lions e altri volontari non Lions effettueranno le riparazioni di base per rendere nuovamente abitabili le case.

I Lions delle aree colpite non erano i soli a fornire aiuto ai bisognosi. Molti altri Lions generosi hanno inviato forniture, organizzato raccolte di fondi ed effettuato donazioni al Fondo per i soccorsi di LCIF. Guardate qui il video delle attività di soccorso di LCIF e Lions.

Renande Pierre-Louis in piedi davanti alla sua nuova casa.Soccorsi per il terremoto ad Haiti

  • Dopo il terremoto che ha colpito Haiti nel 2010 i Lions hanno immediatamente realizzato tre tendopoli per fornire riparo a 2.500 persone. Ora i Lions stanno collaborando alla ricostruzione dell'infrastruttura vitale.
  • LCIF ha collaborato con Food for the Poor per la costruzione di 400 abitazioni permanenti e un centro sociale che offrirà corsi di formazione professionale. LCIF fornisce 1,5 milioni USD e Food for the Poor contribuirà con 1,28 milioni USD.
  • I Lions del Multidistretto 105, Inghilterra, Scozia, Isola di Man, Irlanda del Nord, Irlanda, Galles e Isole del Canale, hanno donato oltre 700.000 USD, dei quali una parte è stata utilizzata per costruire un nuovo centro di formazione professionale presso il Montfort Institute for the Deaf di Port-au-Prince.
  • 600 famiglie di Haiti si sono trasferite in nuove case temporanee realizzate grazie a un'iniziativa promossa da LCIF, i Lions del Multidistretto 111 Lions della Germania e HELP, un'organizzazione non governativa internazionale. In precedenza le famiglie erano ospitate nelle tendopoli Lions. LCIF ha fornito 1,4 milioni USD per questo progetto.
  • Quattro aule e un laboratorio fanno parte della nuova National Nursing School di Port au Prince, che sarà frequentata da 350 studenti ogni anno. Anche prima del terremoto, nel paese la disponibilità di personale sanitario, in particolare infermieristico, era scarsa. LCIF ha fornito 368.421 USD, ovvero il 27% del costo totale del progetto di costruzione e delle spese per le attrezzature. Il progetto è una partnership con HumaniTerra International, una ONG impegnata nella chirurgia.
  • I Lions hanno ricostruito la Notre Dame School di Port-au-Prince grazie a un sussidio di assistenza internazionale insieme ai Lions francesi del distretto 103-SW. La scuola, fondata nel 1978, ospita studenti provenienti da famiglie disagiate e viene supportata dall'ONG SOS Enfants Sans Frontiers (Bambini senza frontiere). La scuola era stata gravemente danneggiata dal terremoto del 2010. Fino alla sua ricostruzione i 361 studenti erano stati costretti a frequentare le lezioni in stanze improvvisate e luoghi alternativi. 

Villaggio Lions di Peng Hua nella provincia di Sichuan (Cina)

  • L'unica organizzazione di club di service riconosciuta ufficialmente dal governo cinese.
  • Un villaggio della Cina centrale è stato distrutto da un terremoto nel 2008.
  • Ottanta case sono state donate alle famiglie nel corso di una cerimonia, nell'ottobre 2009, nell'ambito di un progetto in due fasi per costruire più di 150 abitazioni.
  • I Lions cinesi si sono uniti agli abitanti dei villaggi per il processo di ricostruzione e alcuni si sono recati nelle zone colpite addirittura una decina di volte per prestare il proprio aiuto e donare materiali.
  • Nella stessa zona sono state ricostruite tre scuole, aperte a settembre per l'inizio dell'anno scolastico.

Soccorsi in quattro stati dopo l'uragano Katrina

  • Dopo l'uragano del 2015 sono stati mobilizzati 5 milioni USD per la ricostruzione immediata e a lungo termine in Alabama, Florida, Louisiana e Mississippi.
  • Si stima che circa 3 milioni di persone hanno beneficiato dell'opera dei Lions.
  • I fondi hanno aiutato a ricostruire e donare forniture alle scuole, ricostruire o creare cliniche oculistiche e banche degli occhi Lions, fornire strumenti di assistenza e di riabilitazione per i disabili, riparare i campi Lion e numerosi altri progetti.
  • I Lions degli Stati Uniti e del Canada hanno guidato fino alle località colpite trasportando generi di soccorso.
  • L'opera è continuata con attività di soccorso a lungo termine, tra cui il recente completamento della modernissima scuola superiore di Chalmette (Louisiana), sorta al posto della vecchia scuola che era stata completamente distrutta, la ristrutturazione della Twelve Baskets Food Bank nel Mississippi e la ricostruzione di Camp Wilkes nel Mississippi.

Villaggi ed economie ricostruite in Asia meridionale dopo lo tsunami

  • Sono stati assegnati oltre 15 milioni USD per attività di ricostruzione a lungo termine in quattro paesi: Thailandia, India, Indonesia e Sri Lanka.
  • Sono state ricostruite più di 4.000 case, oltre a centri sociali e sanitari, scuole e orfanotrofi.
  • Le attività di ricostruzione dopo lo tsunami sono ormai state completate in Indonesia e in Thailandia, in Sri Lanka si prevede che i progetti terminino entro l'anno, mentre in India sono ancora in corso.

I Lions portano soccorso dopo gli attacchi dell'11 settembre

  • Sono stati mobilizzati 3,2 milioni USD per i soccorsi dopo gli attacchi.
  • Sono state acquistate le attrezzature necessarie per i soccorsi, inviati container per offrire alloggio e conforto ai soccorritori, installate reti di comunicazione per posta elettronica, telefoni e Internet, organizzati diversi campi di ritrovo per le famiglie delle vittime.

section

Vai all'inizio